Il territorio è di origine vulcanica, caratterizzato da grotte, insenature e falesia, ed è luogo prediletto per la nidificazione degli uccelli tra cui i rari Falchi della Regina Eleonora: siamo sull’Isola di San Pietro. L’isola sarda, nell’arcipelago sulcitano, affascina e conquista per le sue spiagge selvagge e le coste frastagliate. Baciata dal sole e bagnata da acque limpidissime, incanta subito chi arriva scende al porto. Il lungomare e il centro storico di Carloforte, sono le uniche abitazioni dell’isola. Il paese fu fondato da un gruppo di pescatori di origini liguri che dovettero abbandonare l’isola tunisina di Tabarka e che si insediarono l’Isola di San Pietro nel 1738 per dedicarsi alla raccolta di corallo di cui erano ricchi i fondali. Qui nel 2000 è stato avviato il progetto Tanca Gioia, la prima azienda vinicola di San Pietro, che vuole rendere omaggio alle proprie origini con il suo vino: U-Tabarka. 

Come è nata Tanca Gioia?

Una notte stellata, una barca a vela e un gruppo di amici. La Cantina Tanca Gioia è nata così. Poi l’impegno, il coraggio e la determinazione hanno fatto il resto. Partita con sole viti di Carignano e Vermentino, adesso la produzione conta anche Nasco Aromatico, Moscato di Calasetta e Bovaleddu. Tutti i vitigni producono uve dal carattere deciso e vigoroso come le persone che lavorano nella Cantina e che affrontano spesso giornate con il sole a picco in un territorio con regole dure, impegnative e a volte difficili.

  • Flamingo Rosato Flamingo Rosato
    8,54 €

  • U-Tabarka Tabarkino
    8,54 €

  • Perdigiournou Perdigiournou
    12,81 €

  • Roussou Roussou
    13,66 €